Ultimi Articoli

Rapporto Caritas: giovani sempre più in crisi


Oggi i giovani stanno peggio degli anziani, stigmatizza il rapporto della Caritas sulla povertà. È sperabile che l’allarme resti nell’ambito del divario generazionale e non porti acqua ai fautori dello scontro generazionale. Nel caso della Caritas però questo rischio è da escludere.

Certo che quasi un milione e trecentomila minori in stato di povertà è una macchia grave di cui sono in molti a doversi assumere le responsabilità. Così come è inaccettabile  che il numero di giovani che non studiano e non lavorano sia il più  alto dell’Europa, mentre sono quasi venti i punti di distacco fra la media della disoccupazione giovanile europea e quella italiana. Fa bene la Caritas a insistere sul disagio della condizione giovanile che non sembra riuscire ad andare o,tre gli slogan nella politica e non vede, ora che la crisi è terminata, un impegno serio sul piano degli investimenti privati e pubblici in grado di ricreare spazi, opportunità, speranza reali.

Eppure la situazione sociale dei giovani nelle famiglie italiane sarebbe ancora più drammatica senza il concorso degli anziani a sostenere i bilanci familiari. Il nodo non tanto di tipo generazionale ma piuttosto della mancanza di politiche attive del lavoro e di progetti strutturali che finora non si è riusciti a mettere in campo credibilmente. La Marcegaglia nel vertice svedese della Ue sulle politiche sociali “sconsiglia” nuovi interventi legislativi europei, riflettendo quel sentimento imprenditoriale negli ultimi anni che poggia solo su richieste, allo Stato ed ai sindacati. Di conseguenza una modernizzazione del welfare viene concepito esclusivamente come una zavorra nei confronti delle imprese che va evitata nel modo più assoluto. Resta pero’ del tutto ignota la disponibilità delle imprese ad affrontare con senso di responsabilita’ le questioni lasciate aperte dalla recessione: diseguaglianze, basse retribuzioni, investimenti al minimo. Temi non da poco ma sui quali le associazioni imprenditoriali fanno orecchie da mercante.

Ma forse nella pesante crisi della condizione giovanile gioca anche un ruolo non secondario, specie in Italia, l’eclisse di valori condivisi e la riorganizzazione delle societa’ in modo tale da fornire modelli di comportamento che non esaltino la violenza, non riducano il valore della vita ad un incidente di percorso, non immiseriscano l’importanza della formazione culturale a vantaggio delle chimere del successo effimeroe per pochi, dell’individualismo, del cinismo. Negli anni del secondo dopoguerra l’Europa si ricostruì anche perché offrì alla giovani generazioni di allora non solo opportunità lavorative ma valori che davano anche la possibilità di battersi per una società migliore. Oggi in tempi di radicali mutamenti, latita per colpa prevalente delle classi dirigenti proprio questo retroterra, una casella mancante che conta, conta sempre di più.

Informazioni su fondazione nenni ()
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: