Ultimi Articoli

Inflazione, avanti adagio. In un mare di problemi


gentiloni-juncker

-di SANDRO ROAZZI-

Inflazione sopra lo…”0″ a gennaio. Sarebbe già una notizia se gli altri grandi Paesi europei non viaggiassero ad altre…velocità sostenute da una migliore crescita. Secondo l’Istat si registra un +0,2% provvisorio rispetto a dicembre (ma era lo 0,3% nello stesso mese del 2016) ed un +0,9% su gennaio 2016 mentre l’anno scorso era -0,2%). Che sia un inizio soft lo segnala l’inflazione di fondo, depurata delle voci più dinamiche come i prodotti energetici e gli alimentari di stagione, attestata allo 0,5% contro un +0,6% nel dicembre 2016.

A farla da padrone sono sempre i beni energetici e quelli alimentari non lavorati, ovvero i prodotti più volatili dei 706 mila prezzi sotto osservazione ogni mese in 80 comuni italiani. Il resto è un incedere incerto che rende bene l’andamento in tono minore dei consumi. Il nostro stare al passo con i tempi è testimoniato dall’ingresso nel paniere dei prodotti… vegani, dei vegetali centrifugati mentre escono le videocamere tradizionali. Forse un segnale di maggiore attenzione alla salute ed ai costi da terzo millennio, certamente però non un segnale dello stato di salute dell’economia del Paese.

Semmai un campanello d’allarme, sia pur minimo, viene dal rialzo dei beni alimentari che balzano al +2,3% di gennaio dal +0,8% di dicembre, mese per giunta di acquisti natalizi. Un aumento che incide soprattutto sui bassi redditi compresi quelli da pensione che nella stragrande maggioranza dei casi notoriamente non entrano nella categoria di quei pochi ricchi veri che spopolano nel mondo a scapito di quello che possiede l’altra metà del resto della umanità… Anzi sono lontani anni luce come è noto.
Il dato dell’inflazione pur contenendo una modesta accelerazione legata a fenomeni contingenti ( e comunque non certo graditi per i consumatori) conferma il cammino a fondo valle della nostra economia quando invece la crescita potrebbe essere un fattore decisivo per ridurre le apprensioni ad esempio relative a deficit e debito. Le previsioni di ritocchi eventuali all’Iva e alle accise per corrispondere alle richieste di Bruxelles possono far immaginare una ulteriore accelerata nei prossimi mesi ma che non potrà essere considerata una reale impennata delle dinamiche dell’economia reale. Anzi potrebbe viceversa allinearsi fittiziamente ai livelli degli altri Paesi dando nuove motivazioni a chi sta chiedendo alla Bce di ridurre il suo impegno sul QE che oggi appare come la migliore difesa per la nostra incerta situazione economica. Insomma camminiamo ai margini di insidiose sabbie mobili.

Le prospettive non inducono ad ottimismi per il semplice motivo che non si vedono. A questo punto perfino i… gufi rischiano la disoccupazione visto che la realtà basta ed avanza nel generare apprensione ed interrogativi. Sembriamo un Paese letargico nemmeno in modo naturale ma che riesce a chiudere gli occhi solo a colpi di sonniferi. Il Presidente del Consiglio Gentiloni parla di una attenzione positiva degli altri Governi europei. Ma come dice Junker l’Europa è fatta anche di dettagli (come sembra esserlo perfino lui…), ma sono proprio quelli che possono mandarti a fondo. Fare tutto quello che è in nostro potere (e che è già difficile immaginare di fare), potrebbe non bastare. Un sussulto di coscienza politica a questo punto sarebbe salutare.

Informazioni su fondazione nenni ()
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: