Manovra pensioni: ecco i calcoli “ministeriali”

as

All’interno di quel vero e proprio festival di “comunicazioni” di cui parla Sandro Roazzi in un altro pezzo, una parola di chiarezza è arrivata dai calcoli ministeriali fatti filtrare per dare dei punti di riferimento precisi per quanto riguarda i costi dei diversi interventi. Si è parlato molto del pensionamento dei “lavoratori” precoci. Per consentire a quei lavoratori che hanno cominciato a lavorare prima del diciottesimo anno d’età di andare in pensione un con un certo anticipo, si prevede un costo a regime (dieci anni) tra 1,3 e l’1,8 miliardi. Tutto dipende dalla dimensione del bonus. Se si prevedono quattro mesi prima del compimento dei 18 anni e a partire da 14, il costo sarebbe di 1,5/1,8 miliardi. Se si riduce a tre mesi ci si abbassa a 1,2/1,4 miliardi. All’intervento sono interessati tra i 60 e i 67 mila lavoratori.

Tra le ipotesi allo studio per andare incontro ai pensionati economicamente più disagiati si pensa di aumentare la platea dei percettori della quattordicesima, sostanzialmente raddoppiandola (da 1,2 a 2,4 milioni di persone al di sopra dei 64 anni). Costo: 800 milioni l’anno.

Non particolarmente oneroso l’intervento che consentirebbe la ricongiunzione gratuita dei contributi versati a gestioni diverse. Si parla di cinquecento milioni a regime, cioè dopo dieci anni (nel primo anno la spesa si aggirerebbe intorno agli 87 milioni). Nel calcolo rientra anche il riscatto della laurea che da solo costa una sessantina di milioni. 

In discussione l’ampliamento della “no tax area”: in pratica l’asticella verrebbe spostata poco sopra gli ottomila euro di reddito annuo. Il costo viene calcolato in 260 milioni l’anno.
Il piatto forte, però, è l’Ape, cioè il prestito (o mutuo) previdenziale. Le cifre parlano di un costo che si aggirerebbe tra i seicento e i settecento milioni di euro. Infine i lavori usuranti. Per facilitare l’uscita dal lavoro di quelle persone che sono state impegnate nella loro vita lavorativa in attività particolarmente stressanti, faticose o insalubri la spesa dovrebbe aggirarsi sui 72 milioni a regime, partendo da un costo nel primo anno di venti milioni.

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi