Rajoy vince, Spagna ingovernabile

image
La Spagna resta ingovernabile nonostante la moderata avanzata del Partito Popolare di Mariano Rajoy e la deludente tenuta dei socialisti di Pedro Sanchez che si consolano evitando il sorpasso di Podemos (il cui leader, Pablo Iglesias, ha definito il risultato “non soddisfacente”). La realtà, però, è che le nuove elezioni (le precedenti si sono svolte lo scorso dicembre) consegnano una situazione ancora una volta bloccata perché l’unica maggioranza possibile è quella basata sull’alleanza tra popolari e socialisti, prospettiva sconsigliata a questi ultimi da risultati che hanno ridimensionato, seppur di poco, la rappresentanza uscita dalla precedente consultazione (cinque seggi in meno).


I più delusi sembrano essere quelli di Ciudadanos, partito di centro-destra che smarriscono per strada rispetto alle elezioni precedenti ben 8 seggi, scendendo da quaranta a trentadue. Mariano Rajoy, probabilmente beneficiando dell’effetto Brexit, ha fatto il pieno dei seggi perduti da Ciudadanos e dai socialisti (cinque) ottenendo quattordici parlamentari in più. Il nuovo parlamento spagnolo, infatti, risulta così diviso: Partito Popolare, 33 per cento, 137 seggi (ne aveva 123); Partito Socialista Operaio 22,7 %, 85 seggi (ne aveva 90); Podemos (che questa volta si è presentato alle urne insieme a Izquierda Unida) 21,1 %, 71 seggi (come nella precedente consultazione, sommando i 69 del partito di Iglesias e i due di IU); Ciudadanos 13 %, 32 seggi (ne aveva quaranta). Il quadro è completato dai diciassette seggi degli indipendentisti catalani e dai cinque dei nazionalisti baschi. In tutto gli elettori spagnoli dovevano eleggere 350 parlamentari, il che significa che la maggioranza è di 176 seggi e nessun leader può contare su questa base minima di consensi. In queste condizioni non si può escludere una nuova consultazione elettorale fra tre, quattro mesi.

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi