L’Agenzia delle Entrate “bussa” al lampione della prostituta

PROSTITUTEE poi dicono che l’Agenzia delle Entrate non riesce a scovare gli evasori, i soldi occultati sotto il materasso. Anzi, in questo caso sopra e non metaforicamente parlando. Perché alla “signorina” che esercita la più antica professione del mondo, la commissione tributaria di Savona ha fatto pervenire il conto. E la “signorina” che normalmente i conti li presentava a fine prestazione, probabilmente dopo un attimo di stupore è stata costretta a prendere atto che questa volta a pagare dovrà essere lei. La Guardia di Finanza è stata metodica: incasso minimo cento euro al giorno, incasso minimo mensile tremila. Rigorosamente in nero per un reddito che da 36 mila euro del 2010 è salito a 40 mila e cinquecento nel 2011 per scendere leggermente a poco meno di 40 mila nel 2012. In tempi di “furbetti del cartellino”, la “signorina” era, invece, estremamente metodica nel “timbrarlo” e si concedeva anche poche festività. La commissione tributaria ha stabilito che, al di là del fatto che la professione in Italia non venga riconosciuta (anzi) né regolamentata, resta però un dato: per quanto poco commendevole, sempre di attività professionale si tratta e come tale prevede a fronte di una prestazione una controprestazione (corrispettivo) economico. Per giunta, poi, anche la corte di Giustizia europea considera le escort “lavoratrici autonome”. Morale: da oggi in poi la “signorine” farebbero bene a dotarsi di ricevuta fiscale e di “libro mastro” che, peraltro, potrebbe assumere caratteri piuttosto pruriginosi al momento della descrizione della prestazione. Potrebbe venir fuori una bella pubblicazione dal titolo: “Diario economico-confidenziale delle marchette”.

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

One thought on “L’Agenzia delle Entrate “bussa” al lampione della prostituta

  1. Difatti, la prostituzione in Italia è già tassata; questo ai sensi dell’articolo 36 comma 34bis della Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con le Sentenze n. 10578/2011, 18030/2013 e 7206/2016. Il Codice relativo è 96.09.09 “Altre attività di servizio per la persona non classificabili altrove”.
    Cosa aspettano i sex workers ad aprire la partita IVA e pagare le tasse in merito?

Rispondi