IN PRIMO PIANO

M5S, alle radici del voto di cambiamento

-di ANTONELLO DI MARIO*- Chi si aspetta qualche “scivolone” nella composizione dei governi cittadini a guida Movimento 5 Stelle non si faccia illusioni. Nelle amministrazioni interessate, a partire da quelle delle grandi città, in prevalenza, entreranno tecnici e professionisti competenti, soprattutto giovani. Il “target” ideale, rappresentato dall’elezione di Virginia Raggi a sindaco di Roma e […]

Read more
IN PRIMO PIANO

Referendum, scintille a La7 tra Renzi e Zagrebelsky

-di FONDAZIONE NENNI- È finita con gli appelli sul modello delle vecchie “Tribune politiche” (e non è detto che sia un male un tirono al passato su certi argomenti uscendo dall’attuale superficialità) e i ringraziamenti di Matteo Renzi via twitter: “Ringrazio il prof. Zagrebelsky per il confronto di stasera. Il quesito è chiaro, i cittadini […]

Read more
IN PRIMO PIANO, Italia, politica

Democrazia dal basso

-di EDOARDO CRISAFULLI-   Gustavo Zagrebelsky, fine giurista, sul Fatto Quotidiano (6 marzo 2016) “spiega i 15 motivi per dire no alla riforma voluta da Renzi”. Poiché, bontà sua, ammette che “le questioni costituzionali non sono mai tecniche”, anche i profani possono dire la loro. Io, ereticamente, dico che da troppi anni ci illudiamo che […]

Read more
IN PRIMO PIANO

Ora facciamo l’Europa dei Popoli

-di EDOARDO CRISAFULLI- Siamo sommersi da un diluvio di commenti emotivi sulla Brexit, soprattutto sui social media. Prevale un sentimento misto di stupore e di delusione. Persino, in alcuni casi, di malcelata rabbia verso gli inglesi, accusati d’essere colonialisti per vocazione (si credono un popolo superiore…). Non tutti ragionano a mente fredda, non tutti si […]

Read more
esteri, IN PRIMO PIANO

Caro Umberto Eco, la tolleranza l’abbiamo appresa proprio dai Romani

-RICCARDO CAMPA- Mi accingo a scrivere anch’io qualche riga ispirata dall’orrendo crimine commesso nella redazione parigina del Charlie Hebdo. Crimine a maggior ragione efferato, perché le vittime sono persone non combattenti, se non sul piano della produzione simbolica, sul piano delle idee. Il commando ha ucciso giornalisti, vignettisti e un consigliere della Banca di Francia, […]

Read more
cultura, esteri, politica

Tamburi di latta

Rulli di tamburo di latta. Detto alla francese da un tedesco che continua a sentirsi vinto c’est la faute, prima che a Voltaire (je suis tombé par terre) e a Rousseau (je suis tombé dans le ruisseau), a Carlomagno, il quale, dopo averla unita, l’Europa, la divise tra i figli (“e così pose le basi […]

Read more
economia, politica

Disuguaglianze senza confini

Non intendo riprendere il discorso di Rousseau sulle cause dell’ineguaglianza, un tema che la crisi economica che viviamo ha prepotentemente riportato alla ribalta perchè il “fenomeno” non riguarda più solo l’ineguaglianza tra paesi sviluppati e paesi arretrati, ma riguarda le nostre società “sviluppate”. E tocchiamo metaforicamente con mano che “la disuguaglianza” è ormai “senza confini” […]

Read more