IN PRIMO PIANO, società

Firenze, cade un muro: due gay possono adottare

La giustizia italiana abbatte un altro muro tenuto in piedi dall’ipocrisia della politica. Ad abbatterlo ha provveduto il tribunale dei minori di Firenze che chiamato a dare legittimità anche sul territorio italiano di una sentenza adottata nel Regno Unito (dove i genitori vivono) ha riconosciuto il diritto di una coppia gay ad adottare due bambini […]

Read more
società

“Speriamo non sia femmina”: la piaga dell’aborto selettivo

-di MAGDA LEKIASHVILI- Essere femmine non è un verdetto, soprattutto una condanna. Festeggiamo la festa della donna e poi si sono quelli che il sesso femminile proprio non lo rispettano, anzi neanche riconoscono. Secondo le statistiche delle Nazioni Unite ci sono 100 milioni di ragazze scomparse in tutto il mondo. Dove sono andate? Molte di […]

Read more
società

Le due Italie tra Dj Fabo e Tribunale di Trento

-di ANTONIO MAGLIE- Ci sono due Italie. Una divisione che non riguarda quella tra Nord e Sud, con la Calabria che nei dati reddittuali (come ha svelato l’Agenzia delle Entrate) è distante non migliaia di chilometri ma milioni di anni luce dalla Lombardia. Ve ne è un’altra che riguarda la consapevolezza nei confronti della realtà, […]

Read more
società

L’ipocrisia new age di Mark Zuckerberg

-di FEDERICO MARCANGELI- Poco tempo fa il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, si è proposto come nuovo teorico dell’uguaglianza e della globalizzazione. In un lungo discorso (proposto ovviamente sulla sua piattaforma) ha esaltato lo spirito globalista che dovrebbe muovere il mondo. Un sentimento di unione che (a suo dire) non è stato presente in questi […]

Read more
società

Dj Fabo: i vergognosi commenti del “cattolico” Adinolfi

Mario Adinolfi è uno di quei signori, cattolici dall’animo pieno di amore e straordinariamente caritatevoli, che organizzano le periodiche adunate chiamate “Family Day”. Ha pubblicato sulla sua pagina Facebook (rimuovendolo solo dopo le reazioni sfavorevoli) questo commento sulla scelta del Dj Fabo, cioè di andare in Svizzera per farsi aiutare a morire: “Dj Fabo è […]

Read more
società

La morte del Dj Fabo e l’indifferenza del legislatore

-di VALENTINA BOMBARDIERI- Un uomo ancora giovane di 40 anni. Un ragazzo che amava la vita a tal punto che dopo averla vista violentata dopo un incidente, diventando cieco e tetraplegico, ha scelto di voler morire. Ha scelto di poter scegliere. Ma non nel suo Paese. L’Italia infatti è indietro anche su questo tema. Il […]

Read more
società

Ma è l’obiezione che ha sabotato la legge sull’aborto

-di ANTONIO MAGLIE- Le gerarchie ecclesiastiche, Cei in testa, sono di nuovo sul piede di guerra a causa dell’assunzione da parte dell’ospedale romano San Camillo di medici abortisti attraverso un concorso che a parere di illustri costituzionalisti viola i principi della nostra Carta avendo escluso la partecipazione di alcuni (i non abortisti). Al di là […]

Read more
società

Pantani: luci e ombre dello scalatore che venne dal mare

-di GIULIANA SALVI- Il giorno di San Valentino del 2004 muore in un anonimo residence di Rimini Marco Pantani. A stroncarlo un edema polmonare e cerebrale conseguente ad un’ overdose di cocaina, proprio come fu per l’amato Charlie Parker, il dio del jazz, anche Pantani muore solo ad appena 34 anni. E’ la fine di […]

Read more
Go beyond, società

Go Beyond, “oltre” un paese che non è per giovani

  -di VALENTINA BOMBARDIERI- Un bell’incontro e una grande opportunità per i giovani. Si è tenuta oggi a Roma a Via Napoli 36 la presentazione del corso di formazione “Go Beyond”. Un ciclo di seminari di alta formazione, “una buona idea frutto di un incontro di mondi diversi, perché le buone idee sono sempre idee […]

Read more
Go beyond, società

Giovani italiani, da non garantiti a esclusi

  – di ANTONIO MAGLIE- Inaugurando Go Beyond, il corso di formazione organizzato dalla Uil, dalla Fondazione Pietro Nenni, dalla Feps e dal Forum dei giovani, Massimo D’Alema, al centro dell’interesse generale per le questioni che accompagnano il dibattito interno del Pd (“scissione o non scissione), ha sciorinato una serie di dati che illustrano la […]

Read more
società

14 febbraio: nasce YouTube e crea “nuovi ricchi”

-di FEDERICO MARCANGELI- Il 14 Febbraio del 2005 nasce uno dei siti più importanti al mondo: YouTube. Il portale è il massimo esponente della famiglia del “Video Sharing” e permette agli utenti di caricare liberamente (e gratuitamente) i propri contenuti. Per raggiungere questa posizione di vertice gli è bastato un breve periodo. A soli 16 […]

Read more
società

San Valentino, paganesimo e spinte commerciali

-di VALENTINA BOMBARDIERI- Non siamo soliti trattare argomenti “frivoli “ma oggi abbiamo deciso di fare un eccezione e di interrogarci sull’origine della festa degli innamorati. Una festa sempre più commerciale ma, come spesso accade per le tradizioni di vecchia data, molto spesso si ignora come le stesse siano nate. Questa è la nostra volontà, in […]

Read more
società

C’è un’Europa a una sola velocità: l’Erasmus

-di GIULIA CLARIZIA- Esplorare, imparare, crescere. Questo è l’Erasmus, il volto dell’Europa che funziona a una sola velocità, fuori dalla demagogia e dalla retorica. Persino al riparo da quei populismi che a parere di Pierre Moscovici, commissario europeo agli affari economici e monetari, creano un clima di incertezza che frena la crescita, soprattutto in Italia. […]

Read more
società

Prove d’esame uguali? Il ministro Fedeli ci ripensa.

-di FRANCESCA VIAN- Lo stato voleva, dopo tanti anni da ‘Lettera a un professoressa’, ‘fare le parti uguali fra disuguali’. In un contesto serio: cioè all’esame di stato. Se il disabile, a scuola, fosse in grado di sostenere prove eguali a quelle degli altri studenti, sarebbe diversamente abile? No. Sarebbe ‘egualmente abile’. Sconcertante la scivolata […]

Read more
società

“Libero” ma non di insultare la dignità umana

-di VALENTINA BOMBARDIERI- “Patata bollente”. Un titolo di cattivo gusto sulla prima pagina del quotidiano “Libero”. Sotto la foto della sindaca di Roma Virginia Raggi. Allusivo, di quella allusività da bagni pubblici. Senza mezzi termini: vomitevole. Perché un conto è la critica politica, anche aspra (che i pentastellati, comunque, faticano ad accettare), altro conto sono […]

Read more
società

Diamo la cittadinanza a 800 mila italiani

-di VALENTINA BOMBARDIERI- Mohamed Rmaily è in Italia da quando aveva tre anni. Viene dal Marocco e vive a Treviso. Studia Giurisprudenza ed è italiano. È tifoso dell’Inter, giocava a rugby e ama il nostro Paese. Come Mohamed un milione di persone. Un uomo che fa parte della generazione ponte tra due culture, un uomo […]

Read more
società

L’Italia che rinuncia alla sovranità sulla lingua

-di ANTONIO MAGLIE- L’Italia sovranista in lotta con l’italiano. Un paradosso: si riscopre la dimensione nazionale (anche in polemica con l’Europa) ma non la lingua nazionale. Matteo Salvini e Giorgia Meloni, ad esempio, abbigliati di verde o sventolando tricolori, hanno fatto proprio e tradotto in maniera un po’ più paesana quello che è stato lo […]

Read more
società

E sessant’anni fa “dopo Carosello tutti a nanna”

-di GIULIA CLARIZIA- C’era una volta un mondo in cui la pubblicità era un bello spettacolo da guardare, un programma televisivo vero e proprio, e non una seccatura inserita ad arte prima della scena madre di un film. Era il Carosello, e oggi, avrebbe compiuto sessant’anni. In un mondo in cui la pubblicità è pervasiva, […]

Read more
società

Scuola, bocciate le “deportazioni” di Renzi

Un altro pezzettino delle “riforme” di Mateo Renzi è saltato il primo giorno di febbraio. Dopo una tormentata, seppur non lunghissima, trattativa con il nuovo ministro della pubblica istruzione, Valeria Fedeli (decisamente più duttile e forse anche più sensibile ai problemi delle persone della collega che l’aveva preceduta su quella poltrona, Stefania Giannini), i sindacati […]

Read more
società

E 40 anni fa la Tv italiana, tra le polemiche, si colorò

-di FEDERICO MARCANGELI- Quarant’anni fa nasceva ufficialmente in Italia la prima trasmissione colorata, con un “sto bene a colori?” pronunciato da Corrado durante l’apertura di “Domenica In”. I primi passi per abbandonare il bianco e nero furono mossi però molti anni prima. La RAI cominciò i test già dal 1961 (in contemporanea con il lancio […]

Read more