ER CORRIDOIO UMANITARI

-di Pasquino il T… EMP…lare-

Er “corridoio” ‘na vorta era ‘ndo se passava
e si magara d’annoiasse capitava
poteva diventa’ ppe’ me bimbetto
‘na pista de pattinaggio o ‘n campo de carcetto
Oggi invece a sentillo pronuncia’
la mente zitta zitta se mette a trema’
affiancandogli come croci sur calvario
il suono della parola “umanitario”
E sopra questo lungo triste corridoio
volteggia l’ombra di un ignobile avvoltoio
che con infame grandissima viltà
su creature indifese se mette a spara’
Ma dove sta’ il rispetto pe’ la vita
figlia della bontà infinita
de chi creò un monno ‘ndo’ campa’ felici
e no pe’ fa’ ammazza’ l’ommini dalle mitragliatrici ?
Tornamo presto a gioca’ nei corridoi
invece de ricorda’ li martiri e l’eroi
senza ingrassa’ l’infami costruttori d’armi
e senza trema’ al suono dell’allarmi
Ma sarà mai l’umanità capace
de vive tutt’insieme in Santa Pace ?

N°32 del 15/04/2022

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi