Il due giugno e le pietre d’inciampo

– di Pasquino il Templare –

Capita de vedelli ‘sti quadratini d’ottone
davanti a più de quarche portone
in tutti li paesi dove svastiche e camice nere
hanno marciato dietro le loro lugubri bandiere
Li chiameno, sai, “Pietre d’inciampo”
pe’ ricorda’ quelli che nun c’hanno avuto scampo
Donne ommini vecchi regazzini
ammazzati da ignobili aguzzìni
p’obbedi’ ar pazzo dittatore
senz’anima e senza nimmanco core
fradici frutti dell’arbero della violenza
cresciuti privi d’amore de rispetto e de coscienza
Portati via peggio che ‘n’animale
senza ave’ fatto a nessuno nessun male
Però ereno sindacalisti socialisti ebrei
spiriti liberi repubblicani zingari neri o gay
e quinni je restava solo de fini’ dentro le ciminiere
doppo le torture dell’infame carceriere
Oggi ricordiamole ‘ste creature martiri innocenti
che i loro spiriti ne saranno assai contenti
E quanno vedi ‘ste pietre nella fredda tera
aricordate quant’è ignobile ogni guera
E a ‘sto piccolo prezioso quadratino
si te capita de passaje assai vicino
sta’ ben’attento evita de calpestallo
trattalo come ‘na reliquia sopra ‘n piedistallo
fa’ vola ‘na preghiera verso er Cielo
pe’ chiede ancora scusa de tutto ‘sto sfacelo
speranno che l’umanità se sia finarmente rinsavita
e ovunque ogni forma de violenza sia abolita
E oggi che festeggiamo la nascita della Repubblica Italiana
famo che la fatica dei Padri Costituenti non sia stata vana

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi