Nell’approssimarsi der giorno della memoria er giovane Savoia dice che se scusa pe’ le leggi razziali

– di Pasquino il Templare –

Dice che l’urtimo rampollo dei Savoia,
pe’ convinzione oppuro sol per noia,
abbia mannato ‘na lettera de scuse
“relative” a quelle leggi zozze e ottuse
che, p’engraziasse Hitler, er fascismo aveva preparato
e er suo bisnonno aveva prontamente promulgato
Le poste saranno puro lente ma ottantatre anni
pe’ capi’ quanti mali hanno fatto ‘sti tiranni
me pareno veramente troppi assai
anche solo p’elenca’ tutti li morti e tutti i guai
nati da quelle leggi infami, ignobili ed orribili
che, però, il tuo babbuccio definì “non essere poi così terribili”
Ch’n furmine mo’ mo’ s’abbatta
su tutta la vostra infausta schiatta
ch’ogni ignominia s’è permessa de giustifica’
e che tutti li dolori ce vorrebbe fa’ dimentica’
Ma la gente mica se l’è scordato
quanti morti quelle leggi hanno provocato
Solo l’anna’ a prega’ ar tempio dei giudei
li trasformava tutti in pericolosi rei
meritevoli d’esse’ licenziati, depredati,
incatenati, assassinati, bruciati, gasati
in quei campi che fanno vergogna’ ogni memoria
mentre li negazionisti ancora rinnegheno la storia
A sor cocemelova ma te lo sei scordato,
o è chiede troppo a chi se dice d’esse’ blasonato,
che solo poco tempo fa’
dicevi che a te spettava de regna’
mentre l’amichetti tua dell’aristocrazia
vanno ciancianno sul ritorno della monarchia?
O de quanno volevi fa’ ‘n partito per
un’Italia rinnovata
fondata sui valori della tua casata ?
Oggi ner Giorno della Memoria
buttale ai rovi la tua casata e la tua boria
piagni sulle corpe e sulle responsabilità
e nun t’enventa’ “scuse” perché in politica voi entra’
Sparisci che ce so’ abbastati
i Savoia che c’hanno governati
L’istessi che ner momento più pericoloso
so’ scappatati con fare… dignitoso e coraggioso
Oggi che puro la Comunità Ebraica Romana,
che tanto ha sofferto pe’ “la difesa della razza ariana”,
afferma che nun c’ha la delega
pe’ perdona’
e nimmanco a passa’ la spugna sulla storia pe’ riabilita’
Rispettamo in silenzio e colle preghiere li ricordi
ché quanno parli tu noi diventamo sordi
E poiché la scerta der momento me pare puro insana
vatte a studia’ la Costituzione della Repubblica Italiana

 

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi