O il manganello o il blog

grilloDalla montagna che Grillo ha costruito sul panorama squallido della politica italiana cominciano a cadere i primi sassi: ne seguiranno altri e sarà una frana. Un tale soggetto, il Movimento 5 Stelle, non può –restando se stesso- mettere radici in un paesaggio che con tutti gli innumerevoli difetti, ha natura politica. Dicevano i romani (Orazio): “naturam expellas furca, tamen usque recurret”. E la politica non la puoi espellere dal terreno della politica. La classe dirigente italiana, tranne poche individuali eccezioni, è di bassissimo livello: non adempie il suo compito primordiale: risolvere i problemi della “gente”. E la gente si rivolta: astenendosi dal voto o votando per formazioni che esprimono la sua rabbia. Ma se tale rabbia non trova canali costruttivi (risolve i problemi) essa diventa delusione e provoca l’allontanamento di chi ci ha creduto.

Prendete il fascismo. Mussolini giocò tutto sul malcontento dell’Italia uscita dalla guerra e sull’inerzia della classe dirigente. Ma non usò il “blog”, cioè parole: usò la violenza piegando –con l’appoggio della classe dominante – la resistenza, imponendo la sua dittatura e facendo piazza pulita con un nuovo regime. Ma vilipendere col blog classe e sistema dominante non presentando un’alternativa è velleitario.

Le “camicie nere” di Mussolini erano i manipoli che dovevano fare “bivacco” dell’ “aula sorda e grigia” e non deputati e senatori che con tutti i distinguo e le opposizioni finiscono per integrarsi nel sistema: il quale seguendo la sua logica li assimila, li snatura. E alle sparate di Grillo, cominciano a reagire, prendendole per “sparate”.

Un sassolino, una pietra dietro l’altra, la montagna di Grillo si sgretolerà e partorirà un topolino. Se hai giurato guerra al sistema, guerra deve essere: altrimenti sono urla scomposte. La seduzione del potere, l’attrazione mass-mediatica, la routine dei meccanismi parlamentari disgregheranno il Movimento.

Giuseppe Tamburrano

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

One thought on “O il manganello o il blog

  1. Come oggi Grillo si avvale di Internet, anche Mussolini ai suoi tempi sfruttò appieno le potenzialità di uno strumento di comunicazione innovativo, molto utile alla propaganda del fascismo: la radio.

Rispondi a Alfonso S. Annulla risposta