“La sinistra è di destra”

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un successo l’evento organizzato dalla Fondazione Nenni che si è svolto presso la libreria Feltrinelli di P.zza Colonna. In una sala gremita, sono intervenuti Fausto Bertinotti, Piero Sansonetti e Giuseppe Tamburrano che hanno discusso dell’ultimo libro di Piero Sansonetti dal titolo provocatorio “La sinistra è di destra”.

Il problema maggiore, secondo, uno dei protagonisti della seconda repubblica, Fausto Bertinotti, e che “la sinistra non ha mai fatto i conti con il passato”, e soprattutto “oggi in Europa una sinistra socialista non c’è più da quando ha perso la sua autonomia, quando nel 1983 nella Francia socialista di Mitterand (che ha realizzato un programma realmente socialista) lo SME mette alle spalle la Francia con una politica di rigore, (come sta succedendo oggi). Da quel punto la sinistra in europa diventa unicamente legata alla scelta di andare al governo”.

Parlando del fenomeno Grillo, l’ex presidente della camera, ha sottolineato come “il Movimento cinque stelle fa il lavoro della sinistra ed ha raccolto le istanze di critica che una volta la sinistra faceva al sistema economico e sociale che oggi diventano critica al sistema politico”.

La sinistra va rifondata liberandola dai fantasmi del passato perché oggi “È più probabile che delle risposte arrivino dal papa Francesco piuttosto che dalla sinistra” .

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tamburrano ha evidenziato come Polito, nel suo recente libro, presenti una tesi opposta a Sansonetti, cioè che non esiste la destra. Secondo il Presidente della Fondazione Nenni, il problema è a monte “il capitalismo è da anni in crisi e la sinistra è immobile, anzi si è spostata al centro, questo è il vero tema” .

Tamburrano infine ha sottolineato che la sinistra si deve mobilitare contro le diseguaglianze economiche e sociali e ha voluto ricordare le grandi battaglie del Psi di Nenni, la positiva esperienza del centro sinistra negli anni 60′, lo statuto dei lavoratori, le regioni, la scuola unicae la nazionalizzazione dell’energia elettrica.

L’autore del libro Sansonetti ha ribadito la sua tesi espressa nel libro che “Il cambio di pelle della sinistra è avvenuto negli anni 80′ quando il reganismo è entrato nella sinistra”. Oggi, secondo l’ex direttore di Liberazione “c’ è più reganismo nel pd che nel partito repubblicano americano.”

Dopo un vivace dibattito con un pubblico partecipe, Sansonetti ha chiuso la serata con un esilarante auspicio: “La mia vera ambizione è che la destra diventi di sinistra”.

Vi aspettiamo al prossimo appuntamento con la Fondazione Nenni il 17 aprile, libreria Feltrinelli di Via Orlando, con la presentazione del libro di Daniele Pozzi Una sfida al capitalismo italiano: Giuseppe Luraghi” con Vittorio Emiliani, Cesare Salvi e Giorgio Benvenuto.

fondazione nenni

Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

One thought on ““La sinistra è di destra”

  1. Avete ragione, attualmente non esiste la sinistra e non esiste la destra. Esistono i Talk show che orientano miseramente la politica italiana. Bisogna uscire da questo giuoco perverso. Bisogna costruire un blocco sociale di lavoratori, giovani disoccupati, pensionati, piccole e medie imprese, famiglie senza alcuna protezione sociale per creare un’alternativa all’attuale sistema capitalistico e di potere. Il socialismo laburista potrebbe essere utile all’Italia. Movimento Laburista Siciliano

Rispondi a Angelo Morello Annulla risposta